Con la Direttiva macchine vigente dal 2010 in tutta Europa, i requisiti di sicurezza delle macchine cambiano. La certificazione e le opportunità di mercato dipendono più che mai da prodotti sicuri. I nuovi dispositivi di allarme a norma SIL/PL di Pfannenberg consentono una maggiore sicurezza di progettazione ai costruttori di macchine e impianti, agevolando e accelerando il procedimento di collaudo.

Il funzionamento di un impianto correlato alla tecnica di processo o di una macchina comporta notevoli rischi per le persone, la macchina e l’ambiente.

L’obiettivo dei nuovi standard è quello di minimizzare il rischio durante il funzionamento delle macchine, in modo da evitare danni a persone. Naturalmente ciò consente anche di aumentare la disponibilità della macchina e dell’impianto, il che a sua volta influisce positivamente sulla valutazione del TCO. D’ora in poi, nella valutazione dei componenti confluisce anche il calcolo delle probabilità.

L’obiettivo dei dispositivi di sicurezza è quello di ridurre ad un livello come minimo accettabile il rischio derivante da macchine e impianti di questo tipo. Si rende dunque necessario garantire la sicurezza di funzionamento dei dispositivi di campo correlandola ad un “safety loop” mediante misure sufficienti ad evitare, rilevare e gestire gli errori. Uno dei positivi effetti collaterali della minimizzazione dei rischi è il chiaro aumento della disponibilità degli impianti correlati alla tecnica di processo e delle macchine.

SIL (Safety Integrity Level) e PL (Performance Level) diventano termini centrali nella classificazione di rischi e sicurezza.

Spesso le misure costruttive riguardanti le attrezzature tecniche non sono però sufficienti a minimizzare il rischio. Per mantenere basso il rischio residuo esistente in una macchina o in un impianto, sono necessari mezzi di allarme sicuri che avvertano dei rischi mediante segnali di allarme visivi o acustici. Per esempio come avviso di avviamento o nel funzionamento in muting, quando altre funzioni di protezione sono disattivate. Per dare l’allarme al personale in caso di fuoriuscita di gas o sostanze chimiche, è essenziale che gli apparecchi di segnalazione funzionino al cento per cento.

Quando la situazione diventa seria!

Di solito i mezzi di allarme svolgono una funzione di protezione correlata alla tecnica di sicurezza. Ciò significa che quando il segnale di avvertenza è inteso a mettere in guardia da pericoli imminenti, le conseguenze di un errore dell’apparecchio di segnalazione rappresentano sempre un rischio potenziale. L’utilizzo di segnalatori con valutazione SIL/PL copre la necessità di misure volte ad evitare, rilevare e gestire gli errori in questo campo.